Huvud

Il Palazzo Reale

Tukholman kuninkaanlinna. Valokuvat: Norberg Design AB/ Dick Norberg.
Il Palazzo Reale di Stoccolma offre oggi ai suoi visitatori la grande possibilita di conoscere l´arte e la storia della cultura svedese.

Il Palazzo Reale di Stoccolma e tutt´oggi residenza reale e scenario per lo svolgimento di importanti funzioni monarchiche. Le sue grandi sale, aperte al pubblico per la maggior parte dell´anno, ospitano visite di stato,
udienze, ricevimenti ufficiali e feste.

Per la sua straordinaria bivalenza di residenza reale ufficiale e di monumento storico-culturale aperto al pubblico, il Palazzo Reale di Stoccolma occupa sicuramente una posi zione di primo piano fra le residenze reali in Europa.

Museo Tre Kronor. Valokuvat: The Royal Court/Alexis Daflos.

Il Palazzo originario  


Il Palazzo Reale di Stoccolma, conosciuto come “Le tre corone" (Tre Kronor), ha subito molte variazioni nel
corso dei secoli.

Eretto sotto forma di torre fortificata fra la fine del dodicesimo e l´inizio del tredicesimo secolo, nel corso della sua evoluzione fu pesantemente rinforzato per ordine di Gustavo Vasa, fondatore dello stato svedese, mentre il figlio di questi, Giovanni III, piu interessato all´estetica dell´edificio, ne abbelli la struttura medievale con una sontuosa facciata rinascimentale.

Nel corso del diciassettesimo secolo, il Palazzo fu ampliato, anche per potervi svolgere le sempre piu numerose funzioni amministrative di quella che era diventata una potenza europea.

Don Quijote-sali, Juhlahuoneistoa. Valokuvat: The Royal Court/Håkan Lind.

La costruzione di un nuovo palazzo


La struttura attuale del Palazzo incomincio a delinearsi con la completa ricostruzione dell´ala nord. Il sovrano Carlo XI assegno l´incarico all´architetto Nicodemus Tessin il Giovane, che si assunse il compito di progettare una residenza sontuosa, degna del monarca di uno stato autocratico.
 
La nuova ala fu edificata dal 1692 al 1695 e, contemporaneamente, si avviarono i lavori nell´attuale Salone delle Feste al piano superiore. Il7 maggio 1697 scoppio un incendio devastante, che distrusse il vecchio palazzo; si salvo soltanto la nuova ala nord che, nei disegni di Tessin, divenne il punto di partenza per l´edificazione di un edi. cio completamente nuovo. Il progetto fu approvato il 21 giugno dello stesso anno.
 

Gli anni di stasi


Tessin, incaricato anche della costruzione, avvio immediatamente l´opera. I lavori, iniziati alacremente, furono dapprima rallentati a causa delle guerre guidate da Carlo XII, per mancanza di disponibilita economica e successivamente del tutto sospesi nel 1710.

Tuttavia, poco prima di morire nel 1728, l´architetto Tessin vide rivivere il suo grande progetto, grazie all´introduzione di un “contributo per la ricostruzione del Palazzo", una tassa straordinaria introdotta dagli stati del regno.

Pilarisali, Bernadotte-huoneisto. Valokuvat: The Royal Court/Alexis Daflos.

La ripresa dei lavori


La direzione artistica ed amministrativa del progetto di Nicodemus Tessin passo a suo figlio Carlo Gustavo, ma
la direzione dei lavori fu affidata all´architetto Carl Harleman, che si attenne strettamente al progetto originale. Relativamente agli interni degli appartamenti, egli si rifece allo stile Rococo in voga all´epoca.
 
Fu solo nel 1754 che il re Adolfo Federico e la regina Lovisa Ulrika poterono lasciare la residenza temporanea di Riddarholmen per trasferirsi nel nuovo palazzo o, piu precisamente, in quello inferiore dei due grandi pia ni, oggi conosciuto come gli “Apparta men ti Bernadotte". I loro figli, principi Gustavo (successivamente Gustavo III), Carlo (Carlo XIII) e Federico Adolfo, si stabilirono in seguito negli appartamenti delle ale est ed ovest.
Kaarle XI:n galleria. Valokuvat:: The Royal Court/Alexis Daflos.

Il palazzo aperto


Il Museo Tre Kronor (the Tre Kronor Museum), situato nei sotterranei dell´ala nord, espone reperti che risalgono al periodo medievale o addirittura precedente.
 
Il periodo di grande potenza del regno svedese, caratterizzato dallo sfoggio di splendore si riflette nelle facciate, nelle scalinate e nei sontuosi Saloni delle Feste (the Royal Apartments). Gli altri interni del palazzo sono dominati dagli archi eleganti e dalla ricchezza di colore tipici sia del Rococo che del classicismo dell´epoca gustaviana, ma rappresentano anche un buon esempio degli stili storici tipici del diciannovesimo secolo.
Aarrekammio, Eerik XIV:s regaalit. Valokuvat: The Royal Court/Alexis Daflos.
Nei begli ambienti sotterranei dal soffitto a volta nelle ale sud-est del palazzo, i visitatori della Sala del Tesoro (the Treasury) e della Sala delle Armature (the Royal Armoury) potranno intraprendere un viaggio interessante nella storia della monarchia svedese.

La Saladel Tesoro ospita le insegne reali ed i principali emblemi del regno, mentrela Sala delle Armature contiene numerosi oggetti rappresentativi del ruolo politico e simbolico della monarchia svedese, dalla dinastia di Gustavo Vasa a quella dei Bernardotte. Il contenuto e la presentazione dei pezzi conferiscono a queste due collezioni un enorme valore a livello internazionale.

Roomalaisia rintakuvia, Kustaa III:n antiikkimuseo. Valokuvat: The Royal Court/Alexis Daflos.
L´ala nord-est del Palazzo ospita ancora un´attrazione: il Museo delle Antichità Gustavo III (Gustav III's Museum of Antiquities); fondato nel 1792 ed aperto al pubblico due anni dopo, e sicuramente uno dei piu antichi musei pubblici in Europa.